Pensando ad Acapulco

Pensando ad Acapulco

“Pensando ad Acapulco”, rappresenta un omaggio alla mitica Acapulco Chair degli anni ’50 ed elabora un nuovo concetto di seduta a partire da lastre metalliche completamente modellate a mano, piega dopo piega. Le tre gambe in ferro sorreggono la seduta formata da altrettanti spicchi in rame, acciaio o ottone lucido, ravvivati dalla rifrazione della luce su ogni faccetta scolpita sulla superficie. Nata dal virtuosismo del sapere artigiano di De Castelli, la seduta sfida la resistenza del metallo e si offre accogliente, trasformando anche il ferro nel più flessibile dei materiali.

Materiali